mercoledì 12 luglio 2017

Riflessioni...in corso... sulla Creatività.

Per sondare il valore della Creatività nell’apprendimento, nel Corso "Learning, Creativity and The Future Classroom Lab" , Lisbona 9 - 13 luglio, una proposta di lavoro del terzo giorno, ha preso spunto dagli studi di Edward De Bono, il quale sostiene che le soluzioni ai problemi siano innovative quando escono dai soliti schemi logici; così, l’atteggiamento di chi cerca percorsi risolutivi uscendo dalle solite certezze si spingerà verso nuove associazioni di idee creative.

De Bono ritiene che in questo modo avvenga un passaggio dal pensiero verticale al pensiero laterale, che è creativo e innovativo; processo che può essere meglio compreso con l’immagine dei sei cappelli colorati. Ad ogni colore corrisponde un modo di pensare diverso: nella prospettiva di effettuare una scelta, il giallo è il colore della persona che ne coglie i vantaggi immediati, il verde di chi cerca diverse opzioni e alternative, il rosso di chi esprime le emozioni ed effettua considerazioni estetiche, il nero di chi è critico e pessimista, il bianco di chi avvalla solo scelte sicure, il blu di chi afferma il rispetto delle regole.Nel nostro lavoro di gruppo, davanti ad un problema da risolvere, ognuno di noi doveva “indossare” un cappello ed assumere l’atteggiamento dettato dal suo colore, quindi, proporre una soluzione; così, “l’ottimista” doveva ascoltare ed accogliere la soluzione del “pessimista”, accettare anche quella del “razionalista”, e via di seguito.Il momento decisivo è arrivato quando ognuno di noi ha indossato il cappello di un altro componente del gruppo, perciò di diverso colore, e ha dovuto cambiare il proprio punto di vista per assumere quello dell’altro.

Eccoci al cuore della teoria sulla Creatività di Edward De Bono: occorre andare “oltre” quanto si è pensato fino a poco prima, considerare un altro punto di vista e tenere presenti anche altre soluzioni possibili.
In campo scolastico, significa accogliere e valorizzare le differenze di pensiero, per promuovere il pensiero creativo.

Nessun commento:

Posta un commento